Ottaviano Andriani

Ottaviano AndrianiNasce a Francavilla Fontana (Brindisi) il 4 luglio 1974. Inizia a correre a 15 anni frequentando il gruppo sportivo della sua scuola, e partecipa ai campionati studenteschi arrivando 6°. In seguito abbandona la corsa preferendo il tennis, fino a quando, stimolato dai successi nel mezzofondo del fratello gemello Antonio, torna al primo amore cominciando a macinare chilometri e diventando presto protagonista nelle corse di lunga durata. L'incontro con il professor Piero Incalza è stato determinante per Ottavio (così si fa chiamare), e da lui ha imparato ad amare la corsa.

Tesserato inizialmente con la "Fiamma Atletica Sud Puglia Brindisi", ben presto approda alle Fiamme oro, il Gruppo sportivo della Polizia di Stato, ed oggi ha il grado di assistente. Nel 1997 si impone nella maratona di Firenze con il tempo di 2h14'27" e nel 2007 vince la maratona d'Europa di Trieste con il tempo di 2h10'57". Il suo primato personale è di 2h09'07" e risale al 2001.

La Fidal ha fissato il tempo di 2h10'30'' come minimo per ottenere la convocazione per Pechino, ed ha richiesto che lo stesso fosse conseguito tra ottobre 2007 ed aprile 2008. Nonostante Ottavio avesse nelle sue corde questo risultato, una serie di malanni fisici gli ha impedito di raggiungerlo, anche se comunque il suo tempo di 2h11'41'' ottenuto a Milano nel dicembre 2007, rimane la miglior prestazione di un maratoneta italiano degli ultimi tempi, abbondantemente sotto il minimo "A" (cioè il tempo che permette di portare fino a 3 atleti per ogni prova) stabilito dal regolamento internazionale per partecipare alla competizione olimpica.

La sua convocazione al pre ritiro di Livigno e poi la conferma tra gli olimpionici di Pechino, non è solo un premio per la forza e l'orgoglio che ha sempre dimostrato con la maglia della nazionale e delle Fiamme oro, ma è il riconoscimento del talento cristallino di un atleta che da molto tempo è protagonista della maratona in campo nazionale ed internazionale.

28/07/2008
(modificato il 01/08/2008)


Parole chiave: