Sicurezza con la Stradale alla gara ciclistica Tirreno-Adriatica

Da sempre al fianco delle competizioni sportive, la Polizia stradale vigila anche sulla 53^ gara ciclistica Tirreno-Adriatica partita oggi da Lido di Camaiore, Lucca.

Come ogni anno il Compartimento polizia stradale per il Lazio e l’Umbria con 16 moto, 2 autovetture e un furgone officina, per un totale di 23 uomini è impegnata a garantire la sicurezza dei ciclisti e dei numerosi spettatori che, lungo le strade del centro Italia, attendono il passaggio degli atleti.

Passaggio che sarà annunciato da un motociclista della Polizia stradale con la bandierina rossa che avrà il compito di avvisare gli utenti della strada del transito della gara e quindi della chiusura delle strade.

Seguirà poi il motociclista con la bandiera gialla il quale scorterà il fuggitivo o il gruppo di testa. A chiudere la gara ciclistica ci sarà il motociclista con la bandiera verde che avrà il compito di riaprire la viabilità chiusa per il passaggio dei ciclisti.

Dalla bandiera rossa alla verde si muoveranno tutti gli altri motociclisti per garantire la sicurezza dei ciclisti e di tutta la carovana che segue la gara.

Quest’anno la 53^ edizione della Tirreno-Adriatico è dedicata al campione Michele Scarponi che lo scorso anno ha perso la vita in un incidente stradale; una tragedia che aiuta a ricordare l’importanza del rispetto delle regole come elemento essenziale per la convivenza civile di tutti gli utenti della strada.

07/03/2018


Parole chiave:
Stradale - sicurezza - ciclismo